CROZZA E LA SATIRA DAL GUSTO ANTICO

Pubblicato il 7 Febbraio 2013

Che Crozza sia un imitatore di grande talento è indiscutibile, mai mi era capitato, però, di assistere a un uno scambio di identità come quello avvenuto a Ballarò, martedì 5 febbraio. Forse mancherà la giacca a  doppio petto e qualche colpo di lifting qua e là, ma per il resto la mimesis che vede Crozza trasformarsi in Berlusconi  è fedele e completa.

 

Nel gioco del Crozza cangiante non sono la sola a essere cascata; insieme a me c’è De Magistris che, perplesso, si chiede se le accuse di mala gestione del trasposto pubblico partenopeo  gli siano mosse dal comico o dal politico. Insieme a me c’è Maroni che, con un grugno nascosto da un sorrisino poco convincente, rimane atterrito di fronte a Crozza che imita Berlusconi che imita Maroni.

 

Insomma, un gioco di ruoli  degno di un film di Bergman dietro cui, tra una risata e l’altra,  si celano sconfitte e imbarazzi del popolo e della classe politica italiana.

 

Gli antichi, pieni d’orgoglio, scrivevano «Satura tota nostra est» e in effetti,  ogni martedì sera, sui piccoli schermi italiani sintonizzati su Raitre, al di là di ogni colore politico o parrucca sul capo del comico genovese,  la parabola latina si compie, sempre più vera, sempre più attuale.

 

E poco importa se la campagna elettorale rischia di diventare ridicola e fuorviante, se c’è Crozza a “ridarci il resto”, anche i “simpatici tentativi di corruzione” si sopportano più docilmente.

Commenta il post

Massimiliano 07/02/2013

Non è sempre all'altezza e a volte diventa banale e scontato (peccato, per me, gravissimo per chi fa e vuole fare satira). Ma non vi è dubbio che Crozza è capace di raggiungere vette altissime di ironia, a volte anche con un pizzico di perfidia. E lo fa, soprattutto quando è libero e non DEVE dire determinate battute.
Se poi mi posso permettere anche un commento "politico", mi pare indubbio che la rinascita (di questo si tratta) di B lo abbia letteralmente (ri)galvanizzato.
Grazie

silvia 07/02/2013

Crozza è il miglior comico satirico e il più geniale uomo che conosca

Marina Pascale 07/02/2013

L' ho scritto subito dopo l'intervento di Crozza: è esilarante!

Monica V 07/02/2013

Con questo mio commento entro in Facebook.
Perché parlate di Crozza proprio quando fa l'imitazione di Berlusconi?
A parte questo, Crozza è bravissimo, riesce a catturare il personaggio che imita come pochi, gli basta una parrucca ed è subito "quel" personaggio. Inoltre, cosa fondamentale per uno che fa satira, se la prende un po' con tutti: destra, centro, sinistra. E' equanime, insomma e, altra cosa importante, al contrario di altri (tipo la Dandini o la Guzzanti) non è fazioso. Forse gli manca giusto Grillo.
Ancora bravo a Crozza! E alla sua degna spalla (non mi ricordo come si chiama, scusate!)!